contradictio.de

Kritik an Ideologien, Aufklärung über populäre Irrtümer, Kommentare zum Zeitgeschehen

GegenStandpunkt Italiano (11/09/2017)

Von • Feb 12th, 2018 • Kategorie: International

GegenStandpunkt Italiano (11/09/2017):

 

Lotta continua nello Stato italiano in crisi

Il progresso del movimento sindacale nei tempi della lotta per il posto di lavoro

 

[Traduzione del articolo “Lotta continua im Krisenstaat Italien. Von den Fortschritten der Gewerkschaftsbewegung im Zeitalter des Kampfes um Arbeitsplätze” pubblicato nella rivista politica trimestrale GegenStandpunkt 4-16]

 

Milioni di posti di lavoro persi, 40 % di disoccupazione giovanile, ditte una volta modello del marchio made in Italy ridotte a rifornitori di società tedesche, piccole industrie con manodopera a basso costo nelle mani dei cinesi, lavoro in giornata e mercato nero del lavoro come normalità dell’economia, deindustrializzazione invece di crescita economica, lo Stato risparmia per la credibilità del regime del denaro/euro, con cui lo Stato non ci guadagna più – questa è dunque la situazione nel bel paese, nello spazio economico della “azienda Italia”. Questo è il bilancio, per una delle nazioni fondatrici dell’Europa, di decenni di concorrenza sul mercato interno comunitario e su quello mondiale; un bilancio che, dopo 10 anni di crisi e di rovinosa concorrenza ad eliminazione, ha portato il paese agli ultimi posti della classifica economica (dei paesi industrializzati).

I lavoratori sono più che mai costretti a sottoporsi al verdetto del capitale che solo quello che porta profitto può essere impiegato; lo Stato si preoccupa di questo tipo di utilizzazione efficiente della forza lavoro, perché è anche la sua fonte di ricchezza e base del potere; il capitale, che durante la crisi riesce ad affermarsi nella concorrenza, trae dal suo successo la capacità e i mezzi per permettersi nuove radicali libertà nel campo dei contratti su lavoro e salario, e di imporre di seguito nuove condizioni di concorrenza.

 

I. Nuovi metodi del capitale nel mondo del lavoro e del salario

 

  1. Il “Progetto” Fiat

 

  1. La classe capitalista sente i segnali

 

II. Lo Stato italiano conferma, aggiorna e completa la lotta di classe dei capitalisti

 

  1. Lo Stato risparmia

– sui costi e a costo dei suoi dipendenti

– ristrutturazione dello Stato sociale

 

  1. La politica mette in moto una macchina per creare posti di lavoro

 

  1. Antisindacalità

 

III. La reazione del sindacato all’indebolimento delle sue posizioni

 

  1. Dallo smantellamento del sindacato ad una strategia costruttiva

 

  1. Il movimento sindacale diviso trova una nuova unità

 

  1. Contro la concorrenza dei lavoratori: solidarietà nei sacrifici

 

  1. La lotta continua per la dignità del lavoro

 

 

https://it.gegenstandpunkt.com/lotta_e_crisi.html

 

 

vgl:

 

Lotta continua im Krisenstaat Italien (GS 4-16)

Von den Fortschritten der Gewerkschaftsbewegung im Zeitalter des Kampfes um Arbeitsplätze

 

Millionen Arbeitsplätze verloren, vierzig Prozent Jugendarbeitslose, zunehmende Tagelöhnerei und Schwarzarbeit, ein wachsender Billigstlohnbereich, staatliche Sozialeinschnitte: so machen sich für die Arbeiterschaft in Italien zehn Jahre Krise und der ökonomische Verdrängungskampf geltend. Das Kapital, das sich in der Krise behauptet, schöpft aus der Lage die Macht, sich radikale Freiheiten im Umgang mit Lohn und Leistung zu verschaffen. Und der Staat bestätigt und ergänzt den Klassenkampf von oben. Die konkurrierenden Gewerkschaften aber ringen darum, mit ihrer Entmachtung fertig zu werden und aus ihrer Ohnmacht eine konstruktive Strategie gewerkschaftlicher Mitwirkung bei der ‚nationalen Krisenbewältigung‘ zu entwickeln. Ein Lehrstück über Spaltung und falsche Einigkeit gewerkschaftlicher Interessenvertretung in Sachen ‚Beschäftigung‘ um jeden Preis.

 

https://de.gegenstandpunkt.com/artikel/lotta-continua-krisenstaat-italien

Leave a Reply